Il nostro caffè

David e Cristian Martella

Il segreto
del nostro caffè?

Scoprilo con noi…

Classificare una miscela di caffè solo per la sua percentuale di arabica è davvero troppo riduttivo. Spesso infatti si cade nell’errore di apprezzare una miscela solamente perché presenta la dicitura “100% arabica” senza sapere che ne esistono una varietà infinita e talvolta anche di scarsa di qualità, per esempio con grado di acidità troppo marcato.
Noi della caffè Martella ci pregiamo del fatto di selezionare i vari tipi di caffè che devono poi combinare insieme nelle giuste proporzioni affinché possano equilibrarsi,valorizzarsi ed integrarsi tra le loro diverse caratteristiche.
La nostra lavorazione di tipo artigianale ci impone di avere una cura particolare sul prodotto, di rispettare tempi precisi prima e dopo la tostatura , affinché il caffè possa degasificare mantenendo pero’ intatte tutte le sue sostanze aromatiche. La tostatura lenta è infatti uno dei segreti che rendono il caffè Martella unico, a differenza dei nuovi metodi che, grazie a nuove tecnologie, permettono di tostare in pochissimi minuti, con grande risparmio di tempo ed aumento delle quantità prodotte. E’ per questo che la nostra macchina torrefattrice, frutto della nostra ultradecennale esperienza e progettata su misura per le nostre esigenze, ha richiesto circa un anno e mezzo di costruzione, interamente manuale, per soddisfare tutte le nostre richieste. Ma oggi come ieri, il nostro successo è frutto di una serie di fattori, che ci portano a controllare minuziosamente la produzione in ogni singolo componente cui ci affidiamo, senza tralasciare alcun dettaglio. La macchina, di fattura Italiana, è del tipo a tamburo in ghisa rotante, interamente rivestita all’interno di mattoncini refrattari, e, come dicevamo, esemplare unico, in quanto modificata secondo le nostre specifiche richieste. E’ di grande robustezza ed affidabilità, adatta quindi anche a lunghi periodi di lavoro continuato. La tostatura avviene per riscaldamento indiretto, ovvero per convezione, in virtù della doppia parete del cilindro di cottura; ciò garantisce una assoluta omogeneità del prodotto finito.
Il controllo dei tempi di cottura viene rigorosamente effettuato di persona dai componenti della famiglia, Giancarlo il papà, David e Cristian, i suoi eredi. Tutto si svolge poi nel giro di pochi minuti, dove ognuno ha un suo preciso compito e non c’è spazio per distrazioni. Il caffè tostato viene rapidamente raffreddato con getti d’aria, allo scopo di interrompere il processo di cottura proprio a quel preciso livello di tostatura. Una volta raffreddato vien poi lasciato a riposare in attesa dell’imbustamento.
L’ultima fase, quella dell’imbustamento, deve avvenire senza che il caffè sia stato molto tempo a contatto con l’aria, e che non sia stato soprattutto in ambienti umidi altrimenti si deteriorerebbero tutte le sue caratteristiche organolettiche. Il corretto confezionamento per lo stoccaggio del caffè, sia esso macinato che in grani, viene effettuato grazie a sacchetti con valvole unidirezionali per permettere ai chicchi di degasificare ma senza far entrare l’aria. Per il macinato è sufficiente una confezione sottovuoto.
Sicuramente, i nostri, sono dei processi piu’ lunghi ai quali non deroghiamo, per poter offrire sempre un prodotto altamente qualitativo, un comune denominatore presente in ognuna delle tre miscele sapientemente create per incontrare l’esigenze dei vari palati.